21

Feb

Stampa CD in digipack 3 ante “I’m still around” Matteo Sansonetto.

Eclettico e preparato musicista, Matteo Sansonetto è – nonostante la giovane età – uno dei più attivi Bluesman della scena italiana. Chitarrista dallo stile tipicamente influenzato dalle sonorità del Chicago Blues, è dotato di una notevole voce soulful e di uno stile chitarristico grintoso ed essenziale, che danno alla sua musica il tipico sapore del West Side. Tante le collaborazioni che lo hanno portato a dividere il palco, o lo studio di registrazione, con artisti del calibro degli statunitensi Lurrie Bell, Billy BranchOmar Coleman, Chris Foreman, o dei nostri Enrico Crivellaro e Paolo Bonfanti, Solo per nominarne alcuni. Sansonetto  ha accompagnato in tour artisti stranieri di gran fama, come James Bogaloo Bolden (BB King’s band leader), Waldo Wheathers (James Brown band), Pistol Pete (Usa), Carl Wyatt (IRE) e Archie Lee Hooker (USA), nipote del compianto John Lee Hooker.

Eclectic and skilled musician, Matteo Sansonetto is – despite his young age – one of the most active Bluesman of the Italian scene. Guitarist with a style typically influenced by the sounds of the Chicago Blues, he has a remarkable soulful voice and a gritty and essential guitar style, which gives his music the typical taste of the West Side. Many collaborations that led him to share the stage, or the recording studio, with the likes of the Americans Lurrie Bell, Billy Branch, Omar Coleman, Chris Foreman, or our Enrico Crivellaro and Paolo Bonfanti, just to name a few. Sansonetto has accompanied on tour famous foreign artists such as James Bogaloo Bolden (BB King’s band leader), Waldo Wheathers (James Brown band), Pistol Pete (USA), Carl Wyatt (IRE) and Archie Lee Hooker (USA), nephew of the late John Lee Hooker.

17

Gen

Duplicazione CD “Canta” Surealistas

I SuRealistas hanno registrato a Jambona Lab il loro primo disco in ottetto, con l’idea di far rivivere in studio la stessa energia dei loro ultimi concerti: il risultato è Canta, un disco di undici tracce, esatta fotografia degli ultimi due anni di una band che ha messo insieme otto personalità fortissime e dato voce a estetiche e stati d’animo solo apparentemente inconciliabili.

CD Confezionato in elegante digipack a 2 ante plastificato lucido.

The SuRealistas recorded their first album in Jambona Lab, with the idea of reviving the same energy in their last concerts in the studio: the result is Canta, a record of eleven tracks, exact photo of the last two years of a band that has put together eight very strong personalities and given voice to aesthetics and moods only apparently irreconcilable.

CD Packaged in elegant glossy plastic 2-panels digipack.

www.musicastrada.it

 

08

Mag

Duplicazione CD “Oversound” di Stefano Petrini in digipack 2 ante


“Oversound,il mio primo lavoro,nonostante riconosca che rappresenti solo un primo passo nella mia ricerca musicale,e che per adesso sia uscito volutamente in edizione limitata,e’ un disco che nel lungo termine si rivelerà importante per la Storia della Musica,probabilmente il piu’ completo fino ad oggi relativamente alla musica per pianoforte;pensiamo soltanto che le sue tracce investono la quasi la totalita’ degli stili musicali.
“Oversound” significa superare la barriera del suono, infatti i rumori presenti all’interno dei brani,nonostante cio’ possa sembrare impossibile,non sono campionature,ma suoni ricavati dalla natura cosi’come lo sono anche alcuni altri,
i quali hanno subito un lavoro di trasformazione audio,e anche se,ad un orecchio non perfettamente attento potrebbero sembrare “freddi”,”finti”;ma in realta’,anche in questo caso,sono di derivazione naturale.
Ma significa altresi’ definire,per poi tentare di superare,anche il concetto stesso di Musica,cercando di andare oltre e allo stesso tempo fornendo un compendio di quello che ne e’ la sua essenza per me migliore possibile dal punto di vista stilistico,compositivo e interpretativo.
Musica classica,musica moderna e musica contemporanea assieme lo rendono un’autentica gigantografia della Musica frutto di 13 anni di lavoro che ne riassume almeno un migliaio di essi.
Ci sono alcuni aspetti che e’ possibile spiegare qui che rendono l’opera ancora piu’interessante: la maggior parte dei brani contenuti in essa sono frutto dell’improvvisazione,della primissima estemporaneità,e risultano già coerenti e con un’ identita’ ben definita;e come erano magari 10 anni fa lo sono ancora adesso cosi’come potete sentirli,poichè ho scelto di registrarli in presa diretta,a volte addirittura improvvisando durante la registrazione;questo aspetto è raro e richiede una fortissima dose di consapevolezza e di nervi saldi,come per quanto riguarda l’aspetto successivo.
Mi riferisco al mixaggio,che al contrario,a quanto ne so,di praticamente ogni disco uscito sinora sul mercato,in questo album non esiste;o meglio esiste,ma non nella sua accezione tradizionale perchè realizzato da me sul momento con le mie mani,mentre suono,dosando i colori;quindi i forti e i piano,con tutte le loro gradazioni,e non in pre o in post-produzione.
Nel disco sono presenti anche aspetti simbolici e segreti,che sarebbe difficile riuscire a scoprire,far venire a galla,e non parlo degli eventi che sono accaduti e che abitano dietro ad ogni canzone.
Potremmo quindi ritenere,date le modalità tecniche e concettuali con il quale è stato realizzato,che questo disco rappresenta noi,il mondo e la Musica allo stesso tempo,dove tutto e’ almeno idealmente perfetto cosi’come e’,e dove nulla dovrebbe essere esasperatamente studiato o forzatamente cambiato perche’ va gia’bene cosi’,anche con le sue piccole o grandi imperfezioni,nella sua spontaneita’,nel suo fluire,nella sua mutevolezza.
In passato alcune multinazionali o case discografiche indipendenti mi hanno incoraggiato a firmare per loro,ma io ho subito desistito e sono felice per aver fatto questa scelta e per non essere dovuto scendere a compromessi.
Ricordate il pensiero di Platone che dice “se vogliamo conoscere un popolo dobbiamo ascoltare la sua musica”*(aggiungo essendo la cosa piu’ alta,simbolica e universale)?.
Io mi trovo d’accordo con lui.
Adesso capirete perche’molte cose qui,ma anche nel resto del mondo,specialmente negli ultimi decenni,nei quali abbiamo assistito ad un grave declino artistico anche a causa di una crisi economica,che è conseguentemente sfociata nel forte appiattimento della musica e di ogni forma d’arte e nella loro pura mercificazione,non vanno per niente bene.
Vorrei adesso invitarvi alla riflessione:quali melodie,quali note hanno pervaso e stanno pervadendo le vostre anime?
Ve lo chiedo perche’ esse rappresentano un grande potere che avete sugli eventi interni ed esterni.
E’ vero,molte volte non potrete non fare a meno di essere contaminati dalla “non-musica” contro la vostra volonta’;uso questo termine per qualificare la quasi totalità di quegli “scarti di lavorazione”a tutti gli effetti che sono rappresentati dall’ultimo singolo dell’artista di turno,uscito in radio o in tv,che ha come unico scopo quello di appiattire le nostre emozioni al fine di diminuire le nostre capacità critiche,assoggettandoci e svilendoci fino al punto di farci perdere anche l’identita’ di persone,di persone capaci di reagire con la massima energia a qualsiasi evento interno o esterno che si verifichi,per plasmare così una nuova generazione di robot umani.
Riguardo alla pochezza della musica,soprattutto quella prodotta negli ultimi 10 anni,questa si intuisce o si deduce da molti aspetti tra cui il primo è la mancanza di creatività;quindi la carenza di valore complessivo della proposta,una struttura non interessante dei brani a tutti i livelli:arrangiamenti ridotti quasi al niente,annullamento quasi totale in essi degli elementi caratteristici e portanti (armonia,melodia etc),insufficienza di espedienti compositivi(progressioni,modulazioni etc),assenza di orchestrazioni,disarmante poverta’ dei testi,ripetizioni ossessive degli stessi ormai sotto forma di poche sole note fino ad arrivare ai messaggi subliminali sia nei testi che nella musica(udibili e non))…e potrei continuare per molto.
Come ho detto poc’anzi,tutti questi aspetti sono studiati a tavolino dall’alto al fine di compromettere la nostra identita’.
Quindi,preso atto di questi meschini e terribili meccanismi vi esorto,prima possibile,ed ogni giorno,a purificare il vostro spirito con la musica piu’bella(non solo quella che vi piace,ma in assoluto;quindi mi riferisco specialmente ai massimi capolavori della musica classica,sinfonica ed operistica,molto più gradevoli se accordati a 432 Hz);dico in assoluto perche probabilmente le vostre capacita’ di discernimento,anche musicali,saranno molto diminuite da quando un tempo eravate più consapevoli(potete scrivermi alla mia mail stefanomusic@hotmail.it perchè possa darvi una mano con la ricerca dei brani).
E con il tempo accadranno miracoli per voi,i vostri cari e per il mondo intero.
08

Mar

Stampa CD audio Artisti vari Vivaldi – Boismortier – Gasparini Arie e Concerti

Dalle opere di Vivaldi il mezzosoprano messicano Gabriela Thierry ha estratto alcune celebri arie, e lo stesso ha fatto con opere di Francesco Gasparini, altro compositore e teorico musicale di straordinaria importanza, anch’egli attivo per lunghi anni a Venezia, dove fu collega di Vivaldi all’Ospedale della Pietà. La parte orchestrale è stata ridotta per clavicembalo da Davide De Lucia. La scelta dei brani tratteggia un quadro significativo dello stile operistico in voga nei teatri veneziani nei primi decenni del Settecento, uno stile florido e ricco di fioriture, ma nello stesso tempo caratterizzato da melodie indimenticabili presentate con estrema efficacia.

03

Gen

Stampa CD audio Falca “Tutto l’amore dimenticare”

Packaging in digipack 2 ante con tasca a scomparsa per libretto, plastificato opaco.

 

Il disco è autoprodotto da Alessandra Falca registrato in Via Marco Mastacchi a Livorno, mixato alla Yeti’s Cave da Giacomo Vaccai [The Jackie-O’s Farm] e masterizzato da Fabio Fantozzi [Tozzifan] 
Contiene nove brani inediti e scritti da FALCA, e due brani dove le parole sono rispettivamente dell’anarchico Pietro Gori e di Amelia Rosselli, poetessa. 
Il disco è quasi interamente suonato da Federico Silvi [Silvereight/The Jackie-O’s Farm], i fiati sono di La Zanzara Chiara Lazzerini e Giulia Costagli, ed è impreziosito dalle millevoci di Marina Mulopulos[Tilak/Almamegretta] e dalle percussioni di Matteo Scarpettini [Sinfonico Honolulu]. 
I disegni e la copertina del disco sono di Valentina Restivo [pittrice] e la grafica di Riccardo Bargellini. 
Alessandra Falca, attrice e cantautrice. Ha fatto varie esperienze e lavori di teatro-canzone, da sola [Maggy Mistake] o in gruppo [Loungerie, I Sinistrati, Zoo Trio, Falca_Milioni & Le Figure]. Ha lavorato in teatro con il Teatro dell’Assedio e fa parte del coll. vo Teatrofficina Refugio con il quale collabora e lavora a spettacoli e performance diTeatro d’ Emergenza. Nel 2016 fonda insieme a Emiliano Dominici Teatro Spezzato con cui porta in tour Dracmatica spettacolo teatrale in 14 quadri insieme a Marina Mulopulos.
“Tutto l’amore dimenticare” è un disco di canzoni da cantare. Un disco di canzoni d’autore. Per questo sono stati stampati nel cd tutti i testi. FALCA in ogni pezzo mette il cuore, non usa filtri e arriva diretta.
Il cd è pubblicato dall’etichetta indipendente Binahdischi che inaugura con FALCA la sua idea di musica e parole.
 

03

Gen

Realizzazione CD audio Madaus “Stretti ad aspettare” in digifile con tasca a scomparsa

Madaus nasce dall’incontro di tre musicisti che lavorano all’Accademia della Musica di Volterra: Aurora Pacchi alla voce, Antonella Gualandri al piano, David Dainelli al basso.
Volterra, luogo di nascita del gruppo, è una città segnata dalla presenza di un ex-manicomio e Madaus, è l’italianizzazione del termine inglese “madhouse”, manicomio .
A Volterra però c’è anche un importante carcere che, insieme all’ex-manicomio, ha influenzato fin dall’inizio la creatività del gruppo e le sue composizioni, non solo al livello di pura ispirazione, ma anche concretamente viste le esperienze dirette di Aurora e Antonella nell’ambito della musicoterapia con portatori di deficit, e di David come insegnante di musica e volontario all’interno del carcere di Volterra.
La nascita ufficiale del progetto artistico risale al 2011, quando Aurora e Antonella, con il nome VOC&PIANO, partecipano e vincono il premio Ciampi città di Livorno con i brani “Fino all’ultimo minuto” e “Livorno” nella sezione Miglior cover di P.Ciampi.
In quell’occasione sono accompagnate da David al basso e in qualche modo quel palco rappresenta il loro debutto.
Nel 2012 vengono selezionati tra i finalisti del Premio De Andrè a Roma.
Nel 2013 sono scelti dalla giuria del Premio Tenco, presieduta dal Direttore Artistico Enrico De Angelis, per esibirsi nella rassegna “Il Tenco ascolta” a Piombino (LI).
A Gennaio 2014 esce l’album d’esordio “La macchina del tempo” e parte il loro tour promozionale.
Alla batteria collabora per l’incisione del disco Marzio del Testa e per il live tour Gianni Apicella .
A Novembre 2013 vincono il “Senza filo Contest” al Cantiere San Bernardo di Pisa.
A Giugno 2014 sono ospiti insieme ad altri artisti al Marea Festival di Fucecchio (FI) insieme a numerosi artisti, tra i quali Vinicio Capossela e gli Earth Wind &Fire.
Il loro tour continua in diverse regioni italiane. 

23

Nov

Duplicazione CD audio “Caterpillar – ResPubblica” in Digipack 3 ante

Antonio Finamore (voce e basso elettrico), Egidio Stigliano (batteria), storici componenti della band, ai quali nel 2008 si sono aggiunti Mino Lionetti (armonica) e Tony Miolla (chitarra). Gruppo che ha dato vita, negli anni, a molteplici progetti, sempre portati avanti con la loro idea di musica fatta di shuffle e anima: il tour con Arthur Miles nel 2009 e 2010, al fianco del britannico Paul Lamb e sui palchi del Pignola Blues festival, Castel Lagopesole Blues festival, South Italy Blues Connection.

L’album è stato prodotto da La Mela di Odessa Produzioni, etichetta indipendente, anche distributrice e responsabile del booking della band.