27

Ago

Duplicazione CD “C’era una volta un Re” DJ Marco Bresciani & Giulia

Marco Bresciani è nato con la musica nel sangue. Era appena adolescente quando inizio’ a giocare con vinili in consolle improvvisate. Poi, dopo il diploma, una vera e propria vocazione, un “sacro fuoco” musicale lo portarono a lasciare la appena intrapresa e sicura carriera da ragioniere (per altro ben avviata) per lanciarsi nell’ immenso e impervio cammino dello spettacolo.
Ma il successo non tardo’ ad arrivare. Dopo neppure due anni dalla sua apparizione nel
firmamento delle discoteche versiliesi, Marco divenne uno dei più apprezzati DJ che si distingueva
dagli altri per la sua simpatia, la sua affabilita’, il contatto diretto con il pubblico. E nacque una vera e propria moda. Centinaia e centinaia di ragazzi si muovevano da un locale all’altro, da una città all’atra, per partecipare alle serate travolgenti del “Bresciani”, durante le quali il divertimento era il motore che muoveva tutti. File interminabili di persone davanti ai locali dove il dj si esibiva divennero una routine.
Ma anche dal lato discografico Marco si stava muovendo brillantemente.
Alla fine degli anni ’80 formo’ il gruppo “RADIORAMA”, con il quale sforno’ pezzi indimenticabili come
“Chance to desire” , “Aliens” , “Desire” che portarono il complesso nei primi posti delle hits in Germania
e in gran parte d’ Europa. Proprio con i “Radiorama” Marco partecipo’ a trasmissioni importantissime come Discoring,
Superclassificashow, Festival Bar. Con l’avvento della musica demenziale in Italia, poi, il giovane DJ non si lascio’
sfuggire l’occasione di dare libero sfogo alla propria simpatia e voglia di scherzare e, insieme all’ amico Giorgio Panariello, (all’epoca ancora sconosciuto comico-imitatore ) creo’ un altro gruppo i “Modello N° 4” pubblicando un album trainato dal singolo “Judicta”. All’inzio degli anni ’90 “Judicta” veniva trasmesso ad ogni ora del giorno e della notte da tutte le radio d’Italia, diventando un vero e proprio tormentone.
Marco Bresciani ha condotto, per anni, su Radio Quattro un programma musicale, la ‘ DANZOTERAPIA ‘ ,
un insieme della miglior musica, un seguitissimo mix nato dalle tante richieste del pubblico per entusiasmare i giovani
anche attraverso le antenne della radio.
Marco ha suggellato la sua fantastica carriera aggiudicandosi per otto anni consecutivi, il premio “PEGASO” come disk-jockey piu’ popolare della Toscana; nel 1995 è stato incoronato come miglior DJ animatore con il premio Biblos-Oscar.
Marco Bresciani e’ soprattutto l’inconfondibile ambasciatore del divertimento, le sue serate assomigliano
ad un vero e proprio Karaoke vivente, un concerto dal vivo, dove un pubblico eterogeneo, di ogni età, canta, balla e si diverte. Il dj animatore anima, tutt’ora, le serate nei migliori locali della Toscana.
Maggio 2017 pubblica L’amour a Paris, Marco Bresciani feat. Giulia 

07

Mag

Realizzazione CD in digipack “Quetzal” K’in:232

Quetzal è un album nato velocemente, all’interno di una alchimia creativa semplice e positiva generatasi nel gruppo durante i primi incontri in sala prove (luglio del 2018).
Di solito in sala prove un musicista, e/o chi canta, si concentra prima sul fare i suoni e subito dopo è incalzato dalla voglia di suonare e/o cantare: ..il più possibile.
Nel nostro caso è prevalsa una naturale voglia di conoscerci. Non si è dato naturalmente corso ad una sessione di “psiscoanalisi collettiva”, ma semplicemente abbiamo preferito dialogare su ciò che desideriamo nella vita rispetto al “suonare subito per default”.
Ci siamo soffermati spesso a parlare delle antiche culture del centro America, nello specifico di quelle riconducibili ai Toltechi ed ai Maya.
Da qui il nome della band: “K’in”232. K’in significa giorno nella cultura dei Maya, e il numero 232 è il giorno dell’Umano Giallo Spettrale (se vi va approfondite leggendo l’antico calendario dei Maya, lo Tzolchin).
Quetzal is an album born quickly, within a simple and positive creative alchemy created in the group during the first rehearsals in the rehearsal room (July 2018).
Usually in the rehearsal room a musician, and / or who sings, concentrates first on making sounds and immediately afterwards he is driven by the desire to play and / or sing: … as much as possible.
In our case, a natural desire to know each other has prevailed. Naturally, there was no course in a “collective psychoanalysis” session, but we simply preferred to talk about what we want in life compared to “playing by default”.
We often stopped to talk about the ancient cultures of Central America, specifically those referable to the Toltecs and the Mayans.
Hence the name of the band: “K’in” 232. K’in means day in the culture of the Maya, and the number 232 is the day of the Spectral Yellow Human (if you go deeper by reading the ancient Mayan calendar, the Tzolchin).
http://www.fattitaliani.it/2019/04/kin232-il-valore-della-liberta-nel-1.html
07

Mag

Duplicazione CD “Breaking Road” – Serdrumk

Breaking Road, album registrato interamente dal vivo e per strada assieme a Nicola Baronti che sarà pubblicato il 23 Febbraio per Phonarchia Dischi e in anteprima streaming su Shiver a partire da oggi.

Il disco Nasce da una precisa esigenza: tornare a suonare tra la gente. Molto spesso la vita del musicista, in fase di produzione o di pre-produzione di un disco, si svolge tra sala prove e studio di registrazione (e negozi di musica dove spendiamo i nostri ultimi risparmi ahahah). Per assurdo manca proprio quell’elemento che ci ha spinti a fare questo mestiere, ovvero suonare per la gente.

 

Breaking Road, an album recorded entirely live and on the street along with Nicola Baronti which will be released on February 23rd for Phonarchia Dischi and in streaming preview on Shiver starting today.

The record It was born from a specific need: to return to play among the people. Very often the life of the musician, during the production or pre-production of a record, takes place between the rehearsal room and the recording studio (and music stores where we spend our last savings hahaha). Absurdly, that element that pushed us to do this job, or play for people, is missing.

 

17

Apr

Stampa CD “Jack & the Delivery Men” in Digipack 2 ante

Jack & The Delivery Man è un trio acustico composto da Iacopo Ikkarka (voce e armonica), Alessandro Fattorini- Delivery Man- (chitarra) e Eleonora Comemipare (cajon) che propongono brani originali ispirati al folk/rock/blues americano, e cover che vanno da Gary Clark Jr ai Black Crowes.

Jack & The Delivery Man is an acoustic trio composed by Iacopo Ikkarka (voice and harmonica), Alessandro Fattorini- Delivery Man- (guitar) and Eleonora Comemipare (cajon) who propose original songs inspired by American folk / rock / blues, and covers that they range from Gary Clark Jr to the Black Crowes.

11

Apr

Duplicazione CD ” The O’Bell Inn” – O’Bell Andy

Gighe dal ritmo incalzante, reels vorticosi e ballate coinvolgenti, è così che questi ragazzotti ricreano atmosfere dimenticate, invitando il pubblico ora a scatenarsi, ora a lasciarsi accarezzare da dolci e cullanti melodie. Le taglienti note del banjo e i sinuosi passaggi del violino corrono vorticosamente sul tessuto armonico della chitarra, mentre, guidate dal ritmo ostinato del tamburo celtico e dai caratteristici ricami del bouzouki, paiono avvolgere il dolce sussurro del wisthle. L’atmosfera diventa magica e la realtà quotidiana dello spettatore lascia spazio alla fantasia, popolata da creature fiabesche.
Elfi dalle orecchie a punta, gnomi dalle buffe espressioni e orribili troll compaiono accanto al pubblico, attratti dal calore e dallo spirito coinvolgente di melodie leggendarie. Franco, Mauro, Riccardo ed Eugenio si riuniscono ogni volta per proporre una musica proveniente dal lontano passato, eseguendola nel rispetto della tradizione ma interpretandola con evidente gusto personale. Melodie ormai quasi dimenticate, ma forse proprio per questo degne di essere rievocate.
21

Feb

Stampa CD in digipack 3 ante “I’m still around” Matteo Sansonetto.

Eclettico e preparato musicista, Matteo Sansonetto è – nonostante la giovane età – uno dei più attivi Bluesman della scena italiana. Chitarrista dallo stile tipicamente influenzato dalle sonorità del Chicago Blues, è dotato di una notevole voce soulful e di uno stile chitarristico grintoso ed essenziale, che danno alla sua musica il tipico sapore del West Side. Tante le collaborazioni che lo hanno portato a dividere il palco, o lo studio di registrazione, con artisti del calibro degli statunitensi Lurrie Bell, Billy BranchOmar Coleman, Chris Foreman, o dei nostri Enrico Crivellaro e Paolo Bonfanti, Solo per nominarne alcuni. Sansonetto  ha accompagnato in tour artisti stranieri di gran fama, come James Bogaloo Bolden (BB King’s band leader), Waldo Wheathers (James Brown band), Pistol Pete (Usa), Carl Wyatt (IRE) e Archie Lee Hooker (USA), nipote del compianto John Lee Hooker.

Eclectic and skilled musician, Matteo Sansonetto is – despite his young age – one of the most active Bluesman of the Italian scene. Guitarist with a style typically influenced by the sounds of the Chicago Blues, he has a remarkable soulful voice and a gritty and essential guitar style, which gives his music the typical taste of the West Side. Many collaborations that led him to share the stage, or the recording studio, with the likes of the Americans Lurrie Bell, Billy Branch, Omar Coleman, Chris Foreman, or our Enrico Crivellaro and Paolo Bonfanti, just to name a few. Sansonetto has accompanied on tour famous foreign artists such as James Bogaloo Bolden (BB King’s band leader), Waldo Wheathers (James Brown band), Pistol Pete (USA), Carl Wyatt (IRE) and Archie Lee Hooker (USA), nephew of the late John Lee Hooker.

21

Feb

Stampa CD in digipack 2 ante “Hope in Trouble”

“Hope in trouble” è un gruppo dalle sonorità Blues nato nel settembre 2013 che può vantare già di una discreta esperienza live. L’attuale line up è composta da Daniele Pendolino (chitarra elettrica/slide/acustica, voce e ukulele), Michele Mangiafuoco Piscetta (basso) e da Federico Pancera (batteria) entrato a far parte di questa band a Marzo 2017. La band spazia dal Blues al Rock, dal Funky al Country proponendo brani propri e rivisitazioni di classici del Blues rimanendo sempre aperta a varie influenze stilistiche in base alle preferenze musicali dei componenti, portando così ad avere un repertorio molto vario e vasto dalle tante sfumature musicali.

31

Gen

Duplicazione CD “Emotion for change”

Emotion for Change, basato su un’idea di Sara Michieletto, raccoglie una dozzina di artisti che sono profondamente preoccupati con il momento cruciale che viviamo in termini di cambiamento climatico e il nostro modo di guardare e interagire con il nostro mondo naturale.
L’opera completa include una performance, concerti educativi per gli studenti e la produzione dei video artistici.

 

Emotion for Change, based on an idea by Sara Michieletto, brings together a dozen artists who are deeply concerned with the crucial moment we are experiencing in terms of climate change and the way we look and interact with our natural world.
The complete work includes a performance, educational concerts for students and the production of artistic videos.

28

Gen

Duplicazione Volume doppio CD in Cofanetto Voyages Extraordinaires di Alessandro Orlando Graziano

Alessandro Orlando Graziano, raffinato cantautore romano con due decenni di carriera alle spalle, torna sulle scene con un nuovo doppio album dal titolo Voyages Extraordinaires a coronamento di 20 anni di musica, ricco di ospiti prestigiosi (tra cui Sandra Milo e Ivan Cattaneo), che mette in evidenza qualità poetiche sposate da una vocalità espressiva e inconfondibile. Il disco è un lavoro che, ispirato nell’estetica agli avanguardistici libri ottocenteschi di Jules Verne, si sviluppa su due distinti capitoli.

Alessandro Orlando Graziano, refined Roman singer-songwriter with two decades of career behind him, returns to the scene with a new double album titled Voyages Extraordinaires crowning 20 years of music, full of prestigious guests (including Sandra Milo and Ivan Cattaneo), who highlights poetic qualities married by an expressive and unmistakable vocation. The album is a work that, inspired by the aesthetics of the avant-garde books of the nineteenth century by Jules Verne, develops on two distinct chapters:

 

17

Gen

Duplicazione CD “Canta” Surealistas

I SuRealistas hanno registrato a Jambona Lab il loro primo disco in ottetto, con l’idea di far rivivere in studio la stessa energia dei loro ultimi concerti: il risultato è Canta, un disco di undici tracce, esatta fotografia degli ultimi due anni di una band che ha messo insieme otto personalità fortissime e dato voce a estetiche e stati d’animo solo apparentemente inconciliabili.

CD Confezionato in elegante digipack a 2 ante plastificato lucido.

The SuRealistas recorded their first album in Jambona Lab, with the idea of reviving the same energy in their last concerts in the studio: the result is Canta, a record of eleven tracks, exact photo of the last two years of a band that has put together eight very strong personalities and given voice to aesthetics and moods only apparently irreconcilable.

CD Packaged in elegant glossy plastic 2-panels digipack.

www.musicastrada.it