07

Mag

Realizzazione CD in digipack “Quetzal” K’in:232

Quetzal è un album nato velocemente, all’interno di una alchimia creativa semplice e positiva generatasi nel gruppo durante i primi incontri in sala prove (luglio del 2018).
Di solito in sala prove un musicista, e/o chi canta, si concentra prima sul fare i suoni e subito dopo è incalzato dalla voglia di suonare e/o cantare: ..il più possibile.
Nel nostro caso è prevalsa una naturale voglia di conoscerci. Non si è dato naturalmente corso ad una sessione di “psiscoanalisi collettiva”, ma semplicemente abbiamo preferito dialogare su ciò che desideriamo nella vita rispetto al “suonare subito per default”.
Ci siamo soffermati spesso a parlare delle antiche culture del centro America, nello specifico di quelle riconducibili ai Toltechi ed ai Maya.
Da qui il nome della band: “K’in”232. K’in significa giorno nella cultura dei Maya, e il numero 232 è il giorno dell’Umano Giallo Spettrale (se vi va approfondite leggendo l’antico calendario dei Maya, lo Tzolchin).
Quetzal is an album born quickly, within a simple and positive creative alchemy created in the group during the first rehearsals in the rehearsal room (July 2018).
Usually in the rehearsal room a musician, and / or who sings, concentrates first on making sounds and immediately afterwards he is driven by the desire to play and / or sing: … as much as possible.
In our case, a natural desire to know each other has prevailed. Naturally, there was no course in a “collective psychoanalysis” session, but we simply preferred to talk about what we want in life compared to “playing by default”.
We often stopped to talk about the ancient cultures of Central America, specifically those referable to the Toltecs and the Mayans.
Hence the name of the band: “K’in” 232. K’in means day in the culture of the Maya, and the number 232 is the day of the Spectral Yellow Human (if you go deeper by reading the ancient Mayan calendar, the Tzolchin).
http://www.fattitaliani.it/2019/04/kin232-il-valore-della-liberta-nel-1.html
31

Gen

Stampa CD “Invisible” by Dalich

The genre is a bit the sum of my musical experiences, a mix of pop, soul, rock and lounge, however a personal genre. There is a youtube channel, with 2 videos, INVISIBLE, the title track, about those people no more physically close to us but “invisibly” present and TAKE ME AWAY, about men and women’s dream of “be taken away” in a black and white movie.

 

Il genere è un po ‘la somma delle mie esperienze musicali, un mix di pop, soul, rock e lounge, comunque un genere personale. C’è un canale youtube, con 2 video, INVISIBLE, la title track, su quelle persone non più fisicamente vicine a noi ma “invisibilmente” presenti e TAKE ME AWAY, sul sogno di uomini e donne di “essere portato via” in un film in bianco e nero

19

Set

Stampa Duplicazione CD “Percussion Fantasy” di Dante Calore

E’ un piacevole evento alla portata di tutti dove le persone tramite il ritmo e la musica

si aprono alla capacità naturale di sentire il proprio essere.

Questa esperienza ritmica spontanea ha come elemento comune la collaborazione che si esprime attraverso il suono.

L’obiettivo principale è la condivisone del ritmo e l’essere in armonia con se stessi e con gli altri.

Suonando insieme nel cerchio e usando strumenti a percussione di varie origini, andremmo ad esplorare lo spirito e la magia del ritmo, linguaggio universale conosciuto da tutti che vale la pena sperimentare.

E’ un modo veloce e facile per portare le persone a fare musica assieme e per far emergere il proprio potenziale creativo, da non confondere con una lezione di percussioni di culture specifiche.
Il fine non è aggiungere alla persona altri nozioni musicali

ma di portare benessere mentale e corporeo.

 I benefici possono essere numerosi come: riduzione dello stress,

migliorare la salute, le capacità e le attitudini del individuo.

 

It is a pleasant event for everyone, where people can enjoy rhythm and music

they open themselves to the natural ability to feel their being.

This spontaneous rhythmic experience has as its common element the collaboration that is expressed through sound.

The main objective is the sharing of rhythm and being in harmony with oneself and with others.

Playing together in the circle and using percussion instruments of various origins, we would go to explore the spirit and the magic of rhythm, a universal language known to all that is worth experimenting.

It’s a quick and easy way to bring people to make music together and to bring out their creative potential, not to be confused with a lesson of percussion of specific cultures.
The aim is not to add to the person other musical notions

but to bring mental and bodily well-being.

The benefits can be numerous such as: stress reduction,
improve the health, skills and attitudes of the individual.

30

Ago

STAMPA CD IN JEWEL BOX Genna “La misura delle scelte”

Secondo la mia visione della vita, il mondo può essere suddiviso in due categorie: chi sceglie e chi invece una scelta non ce l’ha. Questa distinzione non è definitiva, anzi, spesso ci ritroviamo a ricoprire entrambi i ruoli. I nostri momenti, le nostre giornate e, più in generale, le nostre esistenze sono scandite dalle scelte, dalle decisioni e dalle loro implicazioni o conseguenze. “La misura delle scelte” parla di tutto questo, di situazioni di vita quotidiana, di parallelismi letterari, di universi immaginari. Tutto unito sotto l’unico filo conduttore delle decisioni e di come queste cambino le nostre azioni, mutando costantemente le regole del gioco. Queste le parole con cui Genna presenta il suo nuovo progetto, disponibile al link di seguito e anticipato dal singolo “Uno nessuno centomila”, prodotto da Malacoda e tradotto in video da Toma Azzarone.

 

According to my vision of life, the world can be divided into two categories: those who choose and those who do not have a choice. This distinction is not definitive, indeed, we often find ourselves covering both roles. Our moments, our days and, more generally, our lives are punctuated by choices, decisions and their implications or consequences. “The measure of choices” speaks of all this, of situations of daily life, of literary parallels, of imaginary universes. All united under the only common thread of decisions and how they change our actions, constantly changing the rules of the game. These are the words with which Genna presents its new project, available at the link below and anticipated by the single “Uno uno centomila”, produced by Malacoda and translated into video by Toma Azzarone.

https://open.spotify.com/album/2pWY2rlGuWLTFt2HYuDgZv?si=iqyASirFRWuFvZGbai7qAQ
https://www.facebook.com/GennaImola/